LA LUNA NEL POZZO

Ristoranti
01-Mar-2015

SALVATORE MARCHESE





NEIVE (CN)



  • LA LUNA NEL POZZO
  • LA LUNA NEL POZZO
  • LA LUNA NEL POZZO

L’inizio delle mie assidue frequentazioni nelle Langhe del Barolo e del Barbaresco risale a più di trent’anni addietro. Non potevo neanche lontanamente supporre che l’esperienza, all’epoca del tutto casuale, si sarebbe rivelata per me di così notevole rilievo. Successivamente, le circostanze che mi hanno consentito di incasellare nella memoria sensazioni di ogni genere, per altro sempre fruttuose, sono state molteplici grazie alle complesse sfaccettature dei vini, alla sensibilità delle persone e alla ineguagliabile bellezza dei paesaggi. Poco alla volta ho imparato a guardare al comprensorio del Barolo come ad una costellazione di mondi tutti da scoprire e al microcosmo del Barbaresco come ad una enclave segnata da una rassicurante intimità. Le immagini dei bricchi e dei sorì sugli acclivi più o meno ripidi che interessano Barbaresco, Neive e Treiso le porto nitidissime dentro di me, soprattutto se fanno riferimento ai vigneti disegnati con geometrica precisione e coperti dalla neve.

Balzi verticali, colline dolcissime: gli incanti delle visioni si susseguono l’uno via l’altro mettendo in evidenza i cru più rinomati. Contemplo la maestosità del candido mantello e penso al vino che verrà: “sotto la neve pane”, recita un antico adagio. E il pane porta inevitabilmente al vino, che è una cosa viva. I giochi di luce suscitano nuove emozioni e sollecitano l’appetito. Seguendo il suono delle parole è facile pensare a Neive: al ristorante La Luna nel Pozzo, che conosco forse da quattro lustri. I titolari, torinesi, sono Cesare e Vera. Lui, laureato in medicina, si occupa dell’accoglienza, della sala e della cantina con signorile competenza. Lei, biologa, è la bravissima regista dei fornelli. Mi capita sovente di accomodarmi al loro desco: per conversare delle questioni di Langa, di Romano Levi, del Barbaresco. Tutto questo tra un piatto e l’altro e alla fine del servizio. Chiamateli corsi d’aggiornamento, se volete. L’incontro può cominciare con la corroborante ciotola di passatina di ceci accompagnata dalle fragranti lingue di suocera preparate dalla chef. Le proposte si fanno di ragguardevole sostanza con l’uovo al vapore con salsa di foie gras e cipolle caramellate su crema di patate. L’articolata complessità dei sapori viene raccordata alla perfezione dall’assaggio del Barbaresco “Gallina” di Ugo Lequio, scelto appositamente dall’amico anfitrione. Neonato, il vino risulta di petulante irrequietezza ma promette molto bene per gli invitanti sentori di ciliegine nere selvatiche, prugne tardive, ribes nero e more. Inoltre, è pieno e di marcata struttura. Si apre lentamente e lascia intuire interessanti prospettive: le sue convincenti potenzialità risaltano pure con il cotechino in camicia con salsa di pere, rafano e aceto balsamico, una delle storiche specialità di Vera. Riscuote consensi anche con gli gnocchi di patate con fonduta di Raschera e tartufo nero, un piatto del quale sono ghiotto. Svela completamente il proprio carattere con il coniglio disossato e farcito al tartufo nero grattugiato con prugne allo speck e ratatouille di verdure. Il dessert: tiramisù con gelato all’amaretto.

Le possibili tentazioni da soddisfare appena possibile: tortino di pere “Martin sec” con gelato di biscotti al mais oppure crema “bruciata” al cioccolato e sorbetto di pere.

I VOTI

Langa del Barbaresco 9 (per i vini, le persone e i paesaggi), ambiente 7 e ½ (di sobria eleganza), passatina di ceci 6 e ½, uovo al vapore con salsa di foie gras e cipolle caramellate su crema di patate 7 e ½, cotechino in camicia con salsa di pere, rafano e aceto balsamico tradizionale 8, gnocchi di patate con fonduta di Raschera e tartufo nero 8, coniglio disossato farcito al tartufo nero con prugne allo speck e ratatouille di verdure 7, tiramisù con gelato all’amaretto 7. Vino: Barbaresco “Gallina” 2011 di Ugo Lequio di Neive 8.Ristorante 

La Luna nel Pozzo

Piazza Italia 23
12057 Neive (CN)
Tel. 0173 67098
Chiuso: martedì sera e mercoledì
www.lalunanelpozzo-neive.it

 

 

 









Potrebbero interessarti anche:



OVADA E IL SUO DOLCETTO, BINOMIO INSCINDIBILE
06-Dec-2018    GIANCARLO MONTALDO - TERESA BACCINI

Ovada è Dolcetto, sotto tutti i punti di vista

BRACHETTO, UN NOME COMUNE, UNA QUALITÀ UNICA
06-Dec-2018    STEFANO RAIMONDI

Ammaliante profumo di rose a un’ampia... rosa di consumatori

LESSONA, IL “VINO D’ITALIA”
06-Dec-2018    MICHELE LONGO

Nel cuore dell’Alto Piemonte

IL CESANESE, VINO MILLENARIO
06-Dec-2018    MARIO BUSSO

Laziale protagonista di tre diverse denominazioni

COLLI DI LUNI, TRENTA VENDEMMIE DOC
06-Dec-2018    SALVATORE MARCHESE

Tra Liguria e Toscana

UNA DOC CHIAMATA “PIEMONTE”
24-Sep-2018    GIANCARLO MONTALDO

Su ogni collina, il vigneto si specchia nei baluardi montuosi dell’orizzonte

ALBUGNANO, NEBBIOLO PREZIOSO E AFFASCINANTE
24-Sep-2018    GIANCARLO MONTALDO E TERESA E. BACCINI

Vive una simbiosi favorevole con le altre coltivazioni e con i boschi

IL BOVALE HA LA SARDEGNA NEL CUORE E NELL’ANIMA
24-Sep-2018    MARIO BUSSO

Il Bovale sardo, più conosciuto localmente come “Muristellu”

LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO,
AI PIEDI DELL’APPENNINO
24-Sep-2018    GIANCARLO MONTALDO e TERESA E. BACCINI

Le piane e le colline, con la sinergia del vitigno

LANGHE, VIGNE DI QUA E DI LÀ DAL TANARO
19-Jun-2018    GIANCARLO MONTALDO

Il fiume, bandiera del territorio vitato delle Langhe

FAVORITA, UNA FRESCA VENTATA DI MARE
19-Jun-2018    STEFANO RAIMONDI

Il vino di coste marittime e di terra

BIONDO CORTESE DELL’ ALTO MONFERRATO
19-Jun-2018    FABIO MOLINARI

Capace di esprimere la piemontesità

VERDUZZO, IL MITO DEL RAMANDOLO E NON SOLO
19-Jun-2018    MARIO BUSSO

Pregevole rarità se ne producono appena 150.000 bottiglie l’anno

MONFERRATO, FERTILI COLLINE DEL VINO
22-Mar-2018    GIANCARLO MONTALDO

Una denominazione di origine che ha visto la luce nel 1994

PELAVERGA, VITIGNI TIPICI MA ENIGMATICI
23-Mar-2018    STEFANO RAIMONDI

La ricchezza di tipicità del panorama ampelografico piemontese

VERDUNO, IL FASCINO DI UN VINO AFRODISIACO
23-Mar-2018    BEPPE MALÒ

Il piacere della convivialità

FRANCIACORTA, L’ECCELLENZA DELL’ITALIAN STYLE
22-Mar-2018    ALESSANDRA PIUBELLO

Denominazione di territorio, metodo di produzione e vino

BURSÔN, LA ROMAGNA DA SCOPRIRE
22-Mar-2018    MARIO BUSSO

La sua zona di produzione, le campagne ravennati

NEBBIOLO D’ALBA, NOBILTÀ DEL VINO
01-Dec-2017    GIANCARLO MONTALDO

"Personaggio" a sé stante, sbarazzino e impertinente

TORRETTE, IL SIMBOLO DELLA VALLE D’AOSTA
01-Dec-2017    SIMONETTA PADALINO

L’intera area è caratterizzata dal vitigno Petit Rouge

L’ORO DI SARACENA, MOSCATO UNICO
01-Dec-2017    MARIO BUSSO

Il simbolo di una nuova enologia calabrese

ASTI SECCO, STRATEGIE DI SVILUPPO
01-Dec-2017    GIANCARLO MONTALDO

Un segmento nuovo di mercato

BARBERA D’ASTI, IL “VINO PIÙ VINO” DEL MONFERRATO
01-Sep-2017    GIANCARLO MONTALDO

A tavola è versatile e cerca una composita compagnia gastronomica

DOLCETTO D’ALBA, GIOVANE DI BUON SENSO
01-Jun-2017    GIANCARLO MONTALDO

Colore stimolante, profumi di fiori rossi primaverili e ciliegia matura, sapore “ammandorlato”

NAS-CETTA DI NOVELLO, IL VINO RITROVATO
01-Jun-2017    ARMANDO GAMBERA

Tornati alla ribalta il vitigno Nas-cetta e il suo vino Langhe Nas-cetta

ROERO, IL NEBBIOLO DELLE SABBIE
01-Mar-2017    GIANCARLO MONTALDO

Rosso elegante di grande fascino e prospettiva

ARNEIS, LA RINASCITA DELLA TIPICITÀ
01-Mar-2017    STEFANO RAIMONDI

Vitigno citato negli Statuti del 1432 nel territorio Chierese

BRAMATERRA, LA TERRA PROMESSA
01-Mar-2017    FLAVIO BORASO

Vino di casa curiale, prende sui documenti il nome di “vino dei Canonici”

CONEGLIANO VALDOBBIADENE, COLLINE LUSSUREGGIANTI
01-Mar-2017    ALESSANDRA PIUBELLO

Terreni scoscesi, vigne centenarie, custodi di una ricca biodiversità

VITOVSKA, IL VINO DELLA BORA
01-Mar-2017    MARIO BUSSO

Non esiste traccia in altre regioni del Mediterraneo

TERRITORI IN SVENDITA
01-Mar-2017    MARCO NEGRO

Milioni di bottiglie mediocri vendute non fanno gola e snobbano un territorio!

MOSCATO D’ASTI, EMOZIONANTE E TERRITORIALE
01-Dec-2016    GIANCARLO MONTALDO

Chi lo ha provato non se ne dimentica più e lo cerca

MALVASIA DI CASTELNUOVO DON BOSCO, GRANDE MA POCO CONOSCIUTA
01-Dec-2016    MICHELE LONGO

A tavola in estate dà il meglio di sé in compagnia degli amici

AGLIANICO, FIGLIO DEL VULCANO
01-Dec-2016    GIANCARLO MONTALDO, TERESA E. BACCINI

La nota più sorprendente è la diffusa bevibilità

BARBERA D’ALBA, IL ROSSO DECLINATO AL FEMMINILE
01-Sep-2016    GIANCARLO MONTALDO

Nel 1800 il vitigno Barbera si è diffuso sulle colline albesi.

GHEMME, IL VINO RISORGIMENTALE
01-Sep-2016    MASSIMO DELZOPPO

Nel 2017 la Docg festeggerà ufficialmente il suo ventennale

CHIANTI RUFINA, IL CHIANTI PIÙ ALTO
01-Sep-2016    CARLO MACCHI

Rufina è la più piccola tra le varie “sottozone” del Chianti

IL NOBILE CALUSO PASSITO
01-Sep-2016    ANNA GAGLIARDI

Il ritorno in scena dell’Erbaluce di Caluso passito

BRACHETTO D’ACQUI, BOUQUET DI FIORI E FRUTTI
01-Jun-2016    GIANCARLO MONTALDO

Un vitigno originale e antico lega al vino la “città delle acque"

TIMORASSO, UN BIANCO CHE SA RESISTERE AL TEMPO
01-Jun-2016    FABIO MOLINARI

Timorasso è tornato, un bianco che trova nuovi spunti di qualità.

VALTELLINA, IL VIGNETO DI MONTAGNA PIÙ ESTESO D’EUROPA
01-Jun-2016    GUIDO MONTALDO

La grande Muraglia dei vigneti della Valtellina

IL MARSALA, UN NOBILE SICILIANO
01-Jun-2016    ANTONELLO BIANCALANA

La storia del vino che piaceva a Giuseppe Garibaldi 

BAROLO, LE MILLE SFUMATURE DEL NEBBIOLO
01-Mar-2016    GIANCARLO MONTALDO

Storia, terra, cielo, vitigno e uomo sono dalla parte del Barolo

FREISA DI CHIERI, SIMBOLO DELLA PIEMONTESITÀ ENOLOGICA
01-Mar-2016    FLAVIO BORASO

Una terra di colline a due passi da Torino, dove la città è protagonista

IL SOAVE, UN VINO MATRIOSKA
01-Mar-2016    ALESSANDRA PIUBELLO

Soave polisemico, significati, storia, emozioni da scoprire

ASTI SPUMANTE, UNICO E IRRIPETIBILE
01-Dec-2015    GIANCARLO MONTALDO

Un perlage finissimo, una spuma persistente e un colore giallo paglierino.

BOCA, IL VINO DEL VULCANO
01-Dec-2015    MICHELE LONGO

Il cronista novarese Pietro Azario lo definì “rinomato sin dall’antichità”.

LA TERRA DEL BRUNELLO, DEI PICI E … DEI PANORAMI
01-Dec-2015    CARLO MACCHI

Un grande quadrato enoico di 24.000 ettari

SE IL VIGNETO MOSCATO DIVENTA TROPPO ANZIANO
01-Dec-2015    PAOLO MONTICONE

Vitigno moscato verso la senescenza, dunque?

LE CINQUANTA CANDELINE DI BARBARESCO E BAROLO
01-Dec-2015    GIANCARLO MONTALDO

23 Aprile 1966 - 23 Aprile 2016 cinquant’anni ben portati!

BARBERA DEL MONFERRATO, RITORNARE AL TERROIR
01-Sep-2015    PAOLO MONTICONE

Cerasuola e viperina, che pulisce la bocca e sferza le papille

DIANO D’ALBA, IL DOLCETTO CHE VOLEVA ESSERE DIVERSO
01-Sep-2015    GIANCARLO MONTALDO

Quel rosso rubino di gioventù che si fa amare e che si distingue tra mille

GRIGNOLINO, L’ ANARCHICO “TESTABALORDA”
30-Jun-2015    FIAMMETTA MUSSIO

“Bere il Grignolino è come baciare il vento” (Enza Cavallero)

GATTINARA, IL NEBBIOLO DEL MONTE ROSA
30-Jun-2015    MICHELE LONGO

Siamo nell’Alto Piemonte, nel paese di Gattinara.

IL VERMENTINO IN LIGURIA
30-Jun-2015    MIRELLA VILARDI

Ha segnato il territorio e creato quattro vini a denominazione di origine

L’ UNIVERSO VALPOLICELLA
01-Mar-2015    ALESSANDRA PIUBELLO

Già conosciuti e amati in epoca romana, nel corso dei secoli i vini della Valpolicella si sono sempre fatti apprezzare per i loro caratteri e la versatilità. E oggi sono rossi da primato.

BARBARESCO, IL VINO UNIVERSALE
01-Mar-2015    GIANCARLO MONTALDO

In questa terra di colline il vitigno Nebbiolo è alleato del terreno marnoso e del cielo con il clima freddo e temperato. Il risultato è un vino rosso ricco di profumi e sapidità, capace di resistere al tempo

NIZZA DOCG, LA LUNGA MARCIA DELLA BARBERA TOP NON È ANCORA FINITA
01-Mar-2015    PAOLO MONTICONE

La “via nicese alla barbera”

ALTA LANGA, “VOCAZIONE SPUMANTE” IN PIEMONTE
01-Dec-2014    GIANCARLO MONTALDO

In nome della ritrovata vocazione allo spumante delle colline piemontesi

GAVI, TERRA CORTESE
01-Dec-2014    FABIO MOLINARI

Il principe dei vini bianchi da uva Cortese compie 40 anni di denominazione di origine