Sommario

02 / 2019

Articolo non disponibile online Acquista o abbonati

Vino ospite

Vernaccia di San Gimignano, l’isola bianca

Di Carlo Macchi Luglio 2019

La Vernaccia di San Gimignano è stato il primo vino italiano a ottenere la Doc, nel 1966. Da allora, il cammino verso la qualità e la valorizzazione dell’origine è stato lungo e costante. La zona di origine è il solo paese di San Gimignano, in provincia di Siena e la base ampelografica è costituita, per almeno l’85%, dal vitigno bianco Vernaccia di San Gimignano.

Leggi l'articolo

Articolo non disponibile online Acquista o abbonati

L'altro territorio

La pazienza del culatello di Zibello

Di Teresa E. Baccini Luglio 2019

Per fare il raro e prezioso Culatello è necessario “sacrificare” una coscia del maiale dalla quale si ottiene un salume che rende meno della metà del cugino prosciutto crudo di Parma: disossato, privato della cotenna e rifilato di parte del grasso e della parte muscolare meno pregiata – che sarà poi il “fiocchetto” -, il salume, avviato a diventare Culatello di Zibello Dop, arriva a pesare, a fine stagionatura, tra i 3 e i 5 chilogrammi.

Leggi l'articolo

Articolo non disponibile online Acquista o abbonati

Per le strade di...

La Strada delle Gallie in Valle d’Aosta

Di Simonetta Paladino Luglio 2019

La via delle Gallie, una strada lunga 2000 anni. La via delle Gallie parte dalla bassa Valle da Pont Saint Martin, prosegue fino ad Aosta dove si dirama in due direzioni principali fino ai valichi di frontiera, il Piccolo San Bernardo (Alpis Graia) e il Gran San Bernardo (Alpis Pœnina). Il percorso può esser fatto in auto, ma anche a piedi almeno per alcuni tratti perché è più suggestivo e più interessante e perché si avrà la possibilità di calcare le orme della storia.

Leggi l'articolo

Articolo non disponibile online Acquista o abbonati

Un filo d'olio

La Nocellara regina della Valle del Belice

Di Laura Marinelli, Marco Oreggia Luglio 2019

Una delle icone più tradizionali del paesaggio siciliano è senza dubbio la pianta dell’olivo, qui presente, coltivata e utilizzata fin dall’antichità: un’antichità così remota da fondersi con il mito che narra come Aristeo, divinità agro-pastorale figlio del dio Apollo e della ninfa Cirene, abbia fatto conoscere le tecniche di coltivazione dell’olivo e le prime rudimentali metodologie di estrazione dell’olio proprio alle antiche popolazioni sicule.

Leggi l'articolo