ECCO "GRANDI LANGHE DOCG"

News dalla Redazione
01-Apr-2017

redazione







Dal 2 al 4 aprile 2017 ritorna la manifestazione biennale sul territorio



L'appuntamento dedicato ai grandi vini Docg delle Langhe, è organizzato dal Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani, dall'Associazione della bottiglia Albeisa e dal Consorzio di Tutela del Roero, con la collaborazione del Consorzio Turistico Langhe Monferrato e Roero, dell'Ente Turismo Alba Bra Langhe e Roero e del Gruppo UBI Banca.

L'evento si svolge nelle giornate del 2, 3 e 4 aprile nelle dimore storiche e nei castelli più suggestivi che punteggiano il paesaggio delle Langhe Patrimonio Unesco. Consente a operatori professionali e giornalisti nazionali ed esteri di approfondire la conoscenza dei territori di produzione grazie ad una organizzazione logistica ormai rodata che prevede spostamenti gratuiti degli ospiti con navette da un paese all'altro per partecipare ai banchi d'assaggio, aperti dalle ore 10,00 alle 18,00.

Sono 60 i giornalisti invitati in sinergia con l'associazione Albeisa che presenta all'interno della manifestazione anche Nebbiolo Prima, la tradizionale anteprima di Langa riservata alla stampa; la metà dei giornalisti è straniera, fra loro 5 Master of Wine, ai quali verranno presentate durante le tre mattinate di degustazione le denominazioni Barolo, Barbaresco, Diano d'Alba, Dogliani e Roero con l'intenzione di evidenziare soprattutto le caratteristiche dell'annata. Al pomeriggio potranno approfondire la conoscenza dei produttori e degustare le altre annate.

Continua così il momento magico delle Langhe, sempre di più meta enoturistica di prestigio - attorno alle 700.000 presenze nel 2016 - grazie anche alla sinergia tra enti territoriali, tanto vinicoli quanto turistici, che ha elevato il livello del rapporto qualità prezzo e la cultura dell'accoglienza, come ad esempio lo "sportello dell'enoturista" che vede collaborare Ente Turismo e Consorzio di Tutela.

Si punta dunque su turisti attenti e rispettosi del territorio. "Non abbiamo voluto creare una Disneyland del vino, ma qualcosa di autentico" dice il direttore del Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani Andrea Ferrero. Anche i viticoltori faranno la loro parte in difesa del territorio: c'è in gestazione un progetto del Consorzio che, se verrà finanziato, si occuperà di testare il grado di sostenibilità attuale della viticoltura di Langa coinvolgendo i produttori in prima persona.









Potrebbero interessarti anche: